Mi erasmus en Murcia Capital, España

8 de febrero 2018: primer día en Murcia.

Cinque gradi all’ombra, troppi bagagli. Dovevo dare retta a mio fratello e partire con lo zaino degli Scout, viva l’essenzialità.

Dopo due giorni spesi a compilare documenti all’università, abbonamenti per i mezzi pubblici, turisti che chiedono informazioni in spagnolo solo e unicamente a me e i miei ripetuti “soy italiana”, arrivo nella casa in cui dovrei passare i prossimi 5 mesi della mia vita.

10-11 de febrero 2018: vojo morì.

Salsa di soia nelle pareti. Spaghetti di soia nelle pareti. Salsa e spaghetti di soia sul pavimento.

Due giorni di pulizie e assunzione diretta in una empresa española de limpieza.

Però alla fine dei conti è pure una bella casa, a parte che non ho neanche una coperta e ho dormito col cappotto per tre notti.

Primer lunes en Murcia.

Arrivati alla Ucam (Universidad Catolìca San Antonio de Murcia), io e Anna (mi compañera de piso nonchè mia amica Sarda) ci imbattiamo in Siciliani, Veneti, Lombardi, Napoletani e chi più ne ha più ne metta, intenti a cercare come noi l’aula giusta. Una cosa che ho capito dal primo giorno è che in Spagna non usano le cartine e le mappe.

Sia benedetto Google Maps.

Ecco il mio “benvenuto” a Murcia, poi andrà meglio, ve lo assicuro.

Prima impressione? Gli spagnoli sono un popolo meraviglioso, la Spagna il paese dei balocchi.

Ucam
Cattedrale di Murcia

Plaza Circular

¡Buena suerte Alice!

Una risposta a “Mi erasmus en Murcia Capital, España”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.